Recensione: Paul Goma – “L’arte della fuga”

di Raul Perchet

Paul Goma, L’arte della fuga, Voland

Per un romanzo polifonico come questo, un titolo così, allusivo e bachiano quanto basta, è certamente adatto. Peccato che non renda – non possa rendere – alla perfezione il titolo originale, che in italiano suonerebbe “L’arte della ri-fuga”: perché qui, più che la semplice fuga, è la sua reiterazione a scatenare gli effetti comici e satirici e a determinare nel lettore la consapevolezza dell’enormità di quel delitto collettivo che chiamiamo Storia.

Goma scrive un romanzo di formazione sui generis, con un bambino protagonista – figlio unico di una coppia di insegnanti – che racconta gli anni dell’infanzia e dell’adolescenza a partire dal 1944, quando l’intera famiglia deve lasciare la Bessarabia e rifugiarsi in Transilvania. Qui inizia un lungo calvario, nel quale il perpetuo trasloco diventa in qualche modo sinonimo di sopravvivenza. Finché si trasloca, si vive, sembra dirci Goma; e non è un caso che il romanzo si chiuda “in minore” nel momento in cui – con i genitori prelevati dal nuovo regime comunista senza motivo e reclusi in carcere – il protagonista non ha più alcun posto dove andare, dove proseguire la sua peregrinazione.

Goma ci racconta l’odissea dei suoi personaggi usando un linguaggio mai statico e ripetitivo, ma anzi ricco di invenzioni lessicali, proverbi stravolti, giochi di parole: soprattutto nei primi capitoli, quelli della scoperta del mondo e delle sue misteriose incongruenze. Evolve, questo linguaggio, gradatamente, misurandosi con la crescita del protagonista e facendoci intuire, col passare dei capitoli, come in lui si nasconda un adulto che le circostanze hanno precocemente maturato. E cosa ci dice, questo bambino troppo adulto e consapevole? Ci rivela come la fuga, a forza di ripeterla da un paese all’altro, da una repressione all’altra, da una follia collettiva all’altra, possa costituirsi come “fatto” artistico, come tessitura su cui costruire un capolavoro.

Pubblicato su Satisfiction.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: